nave passeggeri rex

Il REX è entrato nella storia USAF per la leggendaria intercettazione dell’ 8 Maggio 1938 in pieno Atlantico a 700 miglia da New York effettuata da tre prototipi di bombardieri B17 (fortezze volanti), che localizzarono la nave e la sorvolarono, dimostrando la loro abilità di … Il viaggio del record iniziò alle ore 11:30 del 10 agosto 1933, quando la nave salpò da Genova alla volta di New York con Francesco Tarabotto quale comandante. COMPAGNIA: Italia Flotte Riunite (Italian Line), Genova, FINE: 1944 nel porto di Trieste 8 settembre 1944 bombardato dagli alleati a largo di Capodistria. Considerato uno dei migliori poster in stile Novecento dedicato al lancio di un grande transatlantico, nella sua versione grande (140x100 cm) raggiunge quotazioni superiori ai 20.000 euro. The Junior League 2015 Paint the Town Red Gala March 21 at Red Rock Resort honored Sustainer Jeanne Greenawalt with the Lifetime Achievement Award and Ken and Dee Ladd as the recipients of … La copertina di una lista passeggeri di prima classe della serie "Città d'Italia", opera di Vsevolod Nicouline e stampata in bicromia nero e rosso. EUR 14,90 +EUR 3,50 di spedizione. Era l’8 settembre del 1944 quando il transatlantico Rex, costruito a Genova dai Cantieri Ansaldo e varato nel 1931, vanto della Marina Italiana e orgoglio di tutta la Nazione, fu affondato nella baia fra Trieste e Capodistria.. 1932, ottobre 7: giunge a New York con oltre due giorni di ritardo a causa del guasto subito. L'asta è collegata alla struttura del timone mediante una patta verticale per ridurre l'ingombro e migliorare l'efficacia idrodinamica del collegamento. Questa promozione, divenuta nota come “The Lido Liners” intendeva evidenziare la peculiarità dei transatlantici italiani rispetto a tutti gli altri, vale a dire l’essere vere e proprie navi da crociera destinate a far godere  una vacanza all’aria aperta proprio per le loro simiglianze con gli stabilimenti balneari delle riviere del Bel Paese. Di seconda mano. To play, press and hold the enter key. Avvistata dagli osservatori partigiani ancorata a poche miglia dalla costa tra Isola e Capodistria pochi giorni dopo subiva ripetuti attacchi alleati che ne avrebbero causato la totale distruzione. VIAGGIO INAUGURALE: Genova-New York 27/09/1932. All pictures - if not otherwise credited in the watermark - are from the archives of Maurizio Eliseo. La copertina di un menù di prima classe della serie "Costumi d'Italia" con il logo della nave e il nastro azzurro: "La Sardegna". voci di navi passeggeri presenti su Wikipedia, Sito amatoriale sul Rex. L’ammiraglia italiana, come tutti i transatlantici, non fu risparmiata dai violenti fortunali che, soprattutto in inverno, spazzano il Nord Atlantico ma, tra gli eventi di viaggio più originali ne ricordiamo uno occorso durante la 39° traversata. 1936, marzo 8: salpa per il primo viaggio dopo che a Genova sono state modificate le strutture alberghiere della nave accorpando la classe speciale con la classe turistica. Il soggiorno principale, centro nevralgico di tutti gli ambienti della prima classe presentava rivestimenti in mogano lucido e pannelli di broccato rosso. Dopo i notevoli lavori e le modifiche appropriate il Saturnia riprese a navigare ancora alla volta di New York il 20 gennaio 1947 con partenza da Genova e scalo a Napoli. E quel mito si creò anche perché il Rex inaugurò un nuovo modo di viaggiare per mare. Il Rex, affondato nel ’44, sottocosta, tra Trieste e Pirano. In quel lontano giorno la lussuosa e veloce nave passeggeri italiana S/s REX, vanto della cantieristica nazionale, si trovava in navigazione in mezzo all’ Oceano Atlantico alla volta di New York. Il Rex (51.062 tonnellate di stazza lorda) era caratterizzato dai tipici fumaioli bassi colorati a strisce rosse, bianche e verdi, ovvero il tricolore italiano, come già da quell'epoca era d'uso sulle navi della Italia Flotte Riunite. La Zanussi chiese ed ottenne, dalla Società di Navigazione Italia, la possibilità di creare una linea di elettrodomestici a marchio REX, dopo la conquista del Nastro Azzurro, per evocare l'immagine di un prodotto di alto livello. E stata costruita a Genova nel 1931 ed e' stata batezzata da re Vittorio Emanuele III e dalla regina Elena. Si decise di lasciarlo nel sicuro porto di Genova, ma dopo il bombardamento della città da parte della marina francese fu trasferito a Trieste. Poche navi al mondo poterono vantare una altrettanto sofisticata produzione di brochure e dépliant di altissima qualità grafica per le altre tre classi inferiori del Rex; anche la terza classe (di fatto la quarta) era per la prima volta illustrata con immagini animate dei saloni di elevata qualità artistica. 1938, gennaio 29: salpa da New York per la riuscitissima crociera ‘Rex to Rio’. 1932, settembre 27: salpa da Genova per il viaggio inaugurale a New York; il giorno 29 dovrà sostare a Gibilterra per un guasto alle turbodinamo, in attesa che la Vulcania porti i pezzi  da Genova per le riparazioni finali prima di proseguire per New York. In effetti l’ammobiliamento di buona parte  della prima classe e della classe speciale del Rex era stata fatta dalla celebre ditta palermitana dei Ducrot, artefici della maggior parte dei transatlantici della società. L'intero progetto venne rivisto più volte e si decise anche di farlo visionare dal cantiere tedesco che aveva costruito il Bremen e l'Europa (i transatlantici considerati i migliori dell'epoca per innovazione costruttiva). Il massimo percorso effettuato in un solo giorno fu di 736 miglia, alla velocità media di 30,6 nodi. Una copia di autentici arazzi settecenteschi adornava le pareti di prora e poppa. REX - transatlantico (**) Lunghezza fuori tutto 268,20 scala 1:100. Commissionato dalla Navigazione Generale Italiana ai Cantieri Navali Ansaldo di Sestri Ponente, la sua progettazione fu affidata all'ingegnere navale Achille Piazzai. Il Rex aveva già dotazioni d’avanguardia, inclusi i primi lettini uva per l’abbronzatura artificiale. La più grande nave passeggeri di linea italiana fu varata nel 1931 a Genova ed entrò in servizio nel 1932 aveva una stazza lorda di 51.062 tonnellate ed una lunghezza di 268,20 metri, una larghezza massima di 31 metri ed un pescaggio di 10.07 metri; 142.000 cavalli di potenza gli consentirono di sviluppare alle prove di macchina una velocità massima di 29,5 miglia orarie. Cercando quasi invano di svuotare la barca in affondamento con dei secchi,  Welsh e i suoi compagni vennero miracolosamente tratti in salvo dal Rex. Tale scena è di pura fantasia, in quanto il Rex non effettuò mai servizio passeggeri transitando per il Mar Adriatico, ma vi passò unicamente in occasione del suo ultimo viaggio verso Trieste nel tentativo di essere messo al sicuro. L'Italia perse in tutto 31 delle sue 37 navi passeggeri e le unità più vecchie dell'Italia Navigazione, Saturnia e Vulcania, continuarono a prestare servizio fino al 1965, quando entrarono in servizio la Michelangelo e la Raffaello. Da notare che fu anche una delle ultime navi con poppa a clipper; soluzione questa che soluzione, per quanto démodé, era stata scelta per ottenere una maggiore superficie dei lidi poppieri a dispetto dei limiti di lunghezza dello scafo imposti dalle dimensioni del bacino di carenaggio di Genova. Il viaggio inaugurale iniziò, agli ordini del Comandante R.O. 1933, agosto 16: giunge a New York alla conclusione di un viaggio record da Gibilterra alla media di 28,92 nodi; la nave conquista il Nastro Azzurro; sarà la prima nella storia a issarlo fisicamente a riva bordo. Il Rex fu un transatlantico italiano degli anni '30, il più grande mai costruito fino a quel momento. Il Rex venne concepito come nave passeggeri di gran lusso sia per viaggi di linea sia per crociere: tra il settembre 1932 e il maggio 1940 avrebbe compiuto 202 traversate dell’Atlantico e tre crociere. I passeggeri ebrei sul REX, distribuiti in tutte le classi con imbarco a Genova od a Cannes, iniziarono ad essere notati già nel 1934, con un graduale incremento sino a raggiungere numeri elevati negli anni successivi, sino al 20 Maggio 1940 con l’ultimo viaggio del REX. TRANSATLANTICO REX - LISTA PASSEGGERI DI 1° CLASSE + BGLIETTO 1° CLASSE 1934. La brochure con i piani isometrici della nave pubblicata dalla Società Italia nel 1939: vista esterna. 1935, febbraio 27: salpa da New York per la prima crociera in mediterraneo con soste a Gibilterra, Cannes, Monaco, Genova, Napoli, Haifa, Port Said e Rodi. in La traversata durò 4 giorni 13 ore e 58 minuti alla fantastica media di 29 nodi dopo superato abbondantemente punte di 30 durante il raid. Dopo l’entrata in guerra dell’Italia, nel giugno 1940, il Rex venne trasferito in Adriatico e posto in disarmo a Trieste per sfuggire a potenziali bombardamenti inglesi o francesi; la nave era troppo grande per un riutilizzo bellico e sarebbe rimasta nel capoluogo giuliano anche dopo l’Armistizio. Nelle sue decorazioni vi era un richiamo al nome della nave: la corona reale e il nodo Savoia ricorrevano nei fregi, nei grandi candelabri in bronzo con coppe in onice e nella successione di appliques alle pareti. A seguito dell'armistizio del 1943 cadde in mano dei tedeschi che, nel tentativo di spostarlo nella più sicura baia di Capodistria, lo fecero incagliare. Otto pilastri di marmo verde sorreggevano la parte centrale del soffitto a cassettoni, i mobili invece erano laccati in toni di rosso, ocra e oro antico; questa sala era eccezionalmente per i tempi dotata di aria condizionata. That has allowed the state to … Una prima mondiale del Rex fu anche il grande centro benessere: quello che oggi chiameremmo spa e che è divenuto un must di tutte le navi da crociera. Alle pareti grandi riquadrature rivestite in foglia d'oro, vaste specchiere, pannelli in velluto ricamato e, a coprire il pavimento, il più grande tappeto persiano mai realizzato: un kirman annodato a mano di ben 170 mq; per la prima volta compariva nella sala il boccascena di un teatro vero e proprio per gli spettacoli e i concerti di intrattenimento. Sempre sul ponte dei saloni, questa volta a poppa, era collocato il grande bar fumoir rivestito di mogano lucidato e radica e impreziosito da un bassorilievo in bronzo della scultrice Maryla Lednicka. Anche la cappella del Rex fu di gran lunga la più vasta che mai si sia vista sui mari: occupava due ponti in altezza e la balconata superiore era riservata alla prima classe. Deriving much of its budget from petroleum resources, Alaska is one of the few states without income and sales taxes. Estratto del giornale di bordo della traversata del Rex quando vince il nastro azzurro. Per il transatlantico non furono lesinati né uomini né mezzi. Trama: Una delle più grandi avventure di un Paese di mare, come è l'Italia, mai raccontate, arriva ora in un film con la potenza delle immagini del passato e la ricostruzione storica, emotiva, fisica di chi vi ha preso parte. To stop, release the enter key. Nel contempo non si ebbe il coraggio di perseguire fino in fondo un tale rinnovamento optando ad esempio per uno stile Novecento come invece sarebbe accaduto per il Conte di Savoia. Sebbene la sua rotta fosse ben più lunga di quella seguita da tutti i suoi precursori(TOGLI PUNTO E VIRGOLA) la nave giungeva a New York con oltre un giorno d’anticipo dopo aver compiuto le 4181 miglia nautiche che separano Gibilterra dal faro di Ambrose. La copertina, in blu e oro metallizzato, di una lista passeggeri di classe speciale; la corona è in rilievo a secco. La celebrazione della stampa mondiale arriverà poi nell’agosto del 1933 quando il Rex conquisterà il glorioso Nastro Azzurro, il riconoscimento che spettava alla nave più veloce del mondo. Se il Rex era il massimo (ma anche l’ultimo) rappresentante delle navi palazzo, sontuose e ridondanti, il Conte di Savoia apriva una stagione nuova nel modo di intendere la nave passeggeri, con maggiore modernità nella progettazione dell’insieme. (Il 20 agosto 1935 a Genova sarà la prima a ricevere il trofeo, istituito in quell’anno  dal parlamentare britannico Harold K. Hales). 1932, dicembre 24: salpa da New York per la sua prima crociera in Centro America e India Occidentale. Nel marzo del 1933 il Rex fu alla ribalta delle cronache per aver trasmesso la prima trasmissione radiofonica in diretta contemporaneamente negli Stati Uniti e in Europa mentre stava attraversando l’Atlantico. Comunque si trattava di sottigliezze, perché le cabine e i saloni del “Rex” erano degni di stare alla pari con quelli dei migliori concorrenti. Per varare il Rex venne utilizzata la prima bottiglia di Brut riserva reale prodotta dall’azienda vinicola Gancia e il collo della medesima, custodito in una preziosa urna con il nome della nave e il suo profilo in diamanti, venne donato alla madrina, la regina Elena di Savoia. La prima classe occupava cinque ponti collegati da numerosi ascensori e da ampi scaloni. Saccheggiata dei suoi preziosi corredi prima dai tedeschi e poi dalla popolazione ridotta in miseria dalla guerra, la ex nave dei record italiana il 5 settembre 1944 venne rimorchiata fuori dal porto per ragioni ancora non chiare. Di particolare pregio gli ambienti affidati a Monti, decisamente più sobri e contemporanei; l’architetto milanese aveva realizzato anche gli appartamenti e le cabine di lusso, la veranda con piscina e la palestra di prima classe. Disegnata da Giovan Battista Conti riporta in copertina il logo in rilievo del Rex (logo disegnato da Gustavo Pulitzer Finali) e stampata a sei colori, uno dei quali oro metallizzato. Fu un vero trionfo. Il Rex fu il primo transatlantico ad avere tutte quelle innovazioni che ne facevano un’autentica nave da crociera: cabine di lusso con veranda privata, aria condizionata, vasti ponti per lo sport e lidi grandi e immacolati con due piscine, centro benessere, garage con accesso drive-in direttamente dalla banchina…. Taking into account various assets, Georgeanna's net worth is greater than $100,000 - $249,999; and makes between $30 - 39,999 a year. Commissionato dalla Navigazione Generale Italiana ai Cantieri Navali Ansaldo di Sestri Ponente, la sua progettazione fu affidata all'ingegnere navale Achille Piazzai. Durante la sosta a Pola le sovrastrutture vengono dipinte di grigio e installati a bordo mitragliatrici e cannoni antiaerei. A fronte del rinnovamento estetico proposto dal Rex nella sua silhouette esterna, gli allestimenti dei saloni delle classi superiori rimasero legati allo stile storico che aveva caratterizzato tutte le precedenti navi della Navigazione Generale Italiana. Allo scoppio della seconda guerra mondiale, allorché le navi inglesi, francesi e tedesche cessarono i servizi commerciali, divenne il più grande transatlantico a operare in Atlantico continuando il trasporto passeggeri. Dopo la guerra fu considerata la possibilità di recuperare il Rex ma, valutata l'impresa come antieconomica, ed essendo inoltre il relitto in acque jugoslave, fu smantellato sul posto tra il 1947 ed il 1958. Nel frattempo, per l’entrata in servizio del Rex e, successivamente, del Conte di Savoia, la Italian Line di New York organizzò una grandiosa campagna pubblicitaria per far conoscere al pubblico americano la parola “lido”, fino ad allora del tutto sconosciuta negli Stati Uniti. L'8 settembre 1944 il Rex si trovava nelle vicinanze di Trieste, tra Isola d'Istria e Capodistria, oggi in Slovenia, dove fu avvistato dai ricognitori della Royal Air Force e quindi bombardato con 123 razzi. Con questa frase si apre la scena centrale di Amarcord il film che avrebbe tributato a Federico Fellini il premio Oscar. Nella vasta mess di materiale promozionale del Rex non si può non ricordare il grande pieghevole realizzato nel dicembre 1937 da L. H. Butcher con la splendida copertina intitolata “Rex to Rio”. A proravia del soggiorno era ubicata la sala delle feste che richiamava il barocco italiano, con un'intonazione principale di verde chiaro. Nel novembre del 1946 finalmente il transatlantico fu riconsegnato alla compagnia italiana e convertito di nuovo in nave passeggeri. Era partito alle ore 11,30 del 10 agosto da Genova al comando del capitano Francesco Tarabotto ed era giunto a Gibilterra alle ore 17,30 del giorno suc­cessivo. Copyright © 2013-2019 ItalianLiners.com - All rights reserved. CSLC Francesco Tarabotto, il 27 settembre 1932 da Genova, con a bordo 1872 passeggeri. 1932, settembre 25: cerimonia di consegna nel porto di Genova. La "Rex" e' l'unica nave italiana che abbia mai vinto il nastro blu. Altra grande novità di questa sala era il cinematografo sonoro, il primo installato su una nave. La costruzione iniziò il 27 aprile 1930 ed il varo avvenne il 1º agosto 1931 alla presenza del re Vittorio Emanuele III e della regina Elena che ne fu la madrina. Il grande vestibolo era rivestito in noce scuro scura con fregi a intaglio ed ospitava gli uffici per i passeggeri, la banca, l'ufficio postale, l'ufficio turistico e quelli della direzione alberghiera. Il vero record pero' sarebbe spettato ad una unità quasi gemella del Roma e consegnata dall’Ansaldo alla NGI nel 1927; l’Augustus, con le sue quasi 33.000 tonnellate di stazza fu per molti anni la più grande nave passeggeri con propulsione diesel mai realizzata e anche la prima al mondo dotata di piscina all’aperto. Durante quel viaggio riuscì a percorrere le 3181 miglia che separano Gibilterra dal faro di Ambrose in 4 giorni, 13 ore e 58 minuti. Transatlantico REX cartolina da Genova per East Radford (USA) 1935 segnatasse ... 95320 MARINA NAVE REX TRANSATLANTICO 1950 RIMORCHIATORI ITALIA FLOTTE RIUNITE. La brochure con i piani isometrici della nave pubblicata dalla Società Italia nel 1939: il ponte C. 1929, dicembre 2: firma del contratto tra la Navigazione Generale Italiana e l’Ansaldo per la costruzione di scafo e macchine dello scafo numero 296, già battezzato Rex e con le OARN (Officine Allestimento Riparazione Navi) per l’allestimento. 1937, marzo 18: per far fronte al grande numero di passeggeri ebrei in fuga dall’Europa Nazista, sul Rex prende imbarco fisso il rabbino americano Max Green mentre a bordo viene allestita una cucina Kosher diretta dal cuoco Philip Klein. “Eccolo...eccolo! Giornalista, scrittore che ama scendere sotto la superficie, Pietro Spirito ha scritto un monologo per attrice, che tra storia e immaginazione racconta lo splendore e la miseria della “nave più bella del mondo”. Il «Rex» era rientrato in Italia il 18 maggio, sbarcando a Genova gli ultimi 200 passeggeri… Il momento di crisi internazionale aveva portato alla sospensione della costruzione di molti transatlantici e la notizia che l’Italia si accingeva a costruire una delle più grandi, moderne, lussuose e veloci navi del mondo fece scalpore ai quattro angoli della terra. Proprio per colpire l’immaginario collettivo degli americani, in particolare della middle class, alla quale le nuove classi turistiche si rivolgevano, furono chiamati artisti americani di chiara fama quali Fred Freeman e Victor Beals, che dipinsero scene di vita di bordo, soprattutto di “lido life”, dove i loro personaggi, tipicamente americani, si distinguevano da quelli raffigurati nelle pubblicità italiane, per forma fisica e soprattutto per l’abbigliamento casual e sportivo.

Romeo + Juliet Streaming Eng Sub Eng, Dog Man Libri Italiano, Touch Id Instagram, Vestito Da Sposa A Sirena, Lineamenti Del Viso Uomo, Darksiders Genesis - Wikipedia, 007 Solo Per I Tuoi Occhi Dumas, Cosa Fare Ad Halloween In Italia,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *